Benvenuto nel portale web del movimento Save Sammezzano; Il nostro obiettivo è sensibilizzare cittadini e istituzioni in merito alla necessità di tutelare, valorizzare e rendere pubblicamente visitabile il Castello di Sammezzano ed il suo parco. Ricordiamo infatti che al momento visitare Sammezzano non è possibile.

Quegli occhi color verde smeraldo.

C’era una volta una bellissima fanciulla di nome Jamie che abitava in un paesino nei pressi di Leccio, dal quale si poteva scorgere il tanto rinomato Castello di Sammezzano.
Jamie era una ragazza dai grandi occhi azzurri e con i capelli dorati che le ricadevano sul corpo minuto ed esile. Fin da piccola era sempre stata affascinata dall’imponente struttura del Castello.

Lo stupendo Castello aveva origini molto antiche, era una costruzione in stile moresco e da tempo era chiuso e poco frequentato. Non si sapeva esattamente a chi appartenesse l’edificio, si sapeva soltanto che vi abitava un giovane principe.

Nel tempo libero, la fanciulla raggiungeva spesso il Castello per curiosare e ammirarlo più da vicino.

Un giorno, mentre stava passeggiando nei pressi dell’immenso giardino del Castello, incontrò Alex, un giovane cacciatore. Alex era un ragazzo piuttosto alto, con degli occhi verde smeraldo, dei riccioli e delle graziose lentiggini sugli zigomi.

Dopo averle mostrato tutte le bellezze del giardino, il ragazzo la invitò a pranzo l’indomani e la fanciulla accettò molto volentieri.
Quindi la fanciulla tornò a casa molto felice per l’invito e raccontò tutto alla sua migliore amica Margie.

La fanciulla era rimasta colpita dall’aspetto fisico del ragazzo e anche dalla sua personalità. Le piacquero particolarmente le sue lentiggini, decoravano perfettamente il suo volto così puro e limpido. Non poteva certo immaginare che Alex fosse il misterioso principe che abitava il Castello di Sammezzano.
Al ragazzo piacque fin da subito la piccola Jamie. I suoi occhi gli erano rimasti impressi nella sua mente in modo indelebile.

Finalmente arrivò l’indomani e la fanciulla tornò nel luogo esatto dove aveva conosciuto Alex il giorno prima. Il principe la condusse all’interno del Castello e lei cominciò a capire di chi si trattasse in realtà: non era un semplice cacciatore come aveva immaginato.

Alex la portò nella Sala da pranzo del Castello e la dolce Jamie non poteva credere al fatto che stesse andando a pranzo con il misterioso principe di quel fantastico Castello.

La sala da pranzo era a dir poco gigantesca, eccezionale secondo il giudizio della principessa. Era ricchissima di colori e curata nei minimi dettagli e affacciandosi alle immense finestre che erano all’interno si poteva ammirare tutto il paese di Reggello.

Finito il pranzo, il principe portò la fanciulla nella cosiddetta “Stanza degli Amori”, anch’essa riccamente ornata, dove le rivelò l’amore che provava per lei. Jamie ricambiò i sentimenti per quel bellissimo principe dagli occhi color smeraldo.

Un mese più tardi proprio nella Stanza degli amori venne celebrato un bellissimo matrimonio e i due innamorati vissero per sempre felici e contenti.

ENRICO MAZZANTI 12 anni,


Questa storia, di pura fantasia, è stata scritta da un piccolo nostro sostenitore di 12 anni, Enrico Mazzanti.

Il comitato Save Sammezzano lo ringrazia di cuore per questa romantica storia: Complimenti Enrico! Ci hai regalato un momento magico e ci hai dato ancora più forza di combattere per la salvezza di Sammezzano, nella speranza che, un giorno, tantissimi innamorati possano dichiarare il loro amore nella splendida Sala degli Amanti!


L’immagine di copertina è simbolica e scelta in base alla storia; Non ritrae alcun evento attinente a Sammezzano.

Se anche tu vuoi aiutarci a far crescere questo Blog con il fine di far conoscere a più persone possibili il Castello di Sammezzano e il suo parco, inviaci il tuo articolo all’indirizzo email [email protected]

Se vuoi saperne di più su questa iniziativa, clicca qui.

Posts published: 27

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyrights © 2015 comitato SAVE SAMMEZZANO. All Rights Reserved.