Nuova asta di Sammezzano, fumata nera

Non è stata presentata alcuna offerta per l’acquisto di Sammezzano all’asta. E’ quindi andata a vuoto l’asta che era programmata per oggi presso lo studio notarile Michele Tuccari di Arezzo, con un prezzo di partenza di 16 milioni e 200mila euro. 

Nonostante la fumata nera di oggi, in questi mesi (anche a seguito del nostro appello pubblico per la ricerca di investitori che fortunatamente è stato rilanciato anche sui principali media nazionali) più soggetti imprenditoriali sono venuti a conoscenza di Sammezzano e ci hanno contattato affermandoci di essere interessati al suo acquisto. Alcuni di questi sono italiani, ma la maggior parte sono stranieri.

Siamo riusciti ad incentivare minimi contatti preliminari tra quelli di loro che ci sembravano i più affidabili e motivati, affinché valutassero la possibilità di “agire” insieme unendo le forze; poiché è questo quello che auspichiamo per Sammezzano. Con alcuni di essi ci sono stati degli scambi di informazioni e aggiornamenti, con altri ci sono stati degli incontri, alcuni si sono confrontati con i nostri architetti ed economisti. Abbiamo evidenziato loro le potenzialità economiche e culturali di Sammezzano e gli abbiamo ribadito la nostra disponibilità a sostenerli pubblicamente con tutti i nostri mezzi qualora avessero deciso di mettersi davvero in gioco.

Naturalmente abbiamo purtroppo incontrato anche persone che erano più interessate a sfruttare la nostra visibilità a loro favore anziché a salvare Sammezzano, ma anche questo l’avevamo messo in conto.  

Dopo numerosi contatti e vari colloqui, di una cosa possiamo informarvi con certezza: in questo periodo ci sono state delle realtà imprenditoriali serie che hanno valutato realmente l’acquisto di Sammezzano.

Ciò non significa però che sappiamo come si evolverà la situazione nel breve periodo. Le realtà con le quali ci siamo confrontati hanno voluto infatti mantenere il massimo riserbo in merito a come avrebbero agito ed alle loro intenzioni finali.

Come tutti voi rimaniamo quindi in costante attesa per capire come si svilupperà la situazione. Naturalmente saremmo stati più felici se Sammezzano avesse già trovato una proprietà, cosa che un anno fa, prima del fallimento della Sammezzano Castle Srl e dell’intervento del Tribunale di Arezzo, sembrava essere avvenuta.

A questo punto possiamo soltanto sperare che questa storia si chiuda il più presto possibile, perché novembre si avvicina velocemente e dopo di esso arriverà l’inverno. Non sappiamo infatti se e quanto Sammezzano è in grado di resistere alle intemperie che potrebbero arrivare con l’inverno. Intemperie che potrebbero aumentarne la situazione di degrado rendendo irrecuperabile parte delle bellissime sale. 

Autore dell'articolo: Francesco Esposito

1 commento su “Nuova asta di Sammezzano, fumata nera

    Ida

    (novembre 2, 2018 - 6:08 pm)

    Spero ardentemente che questo tesoro sia salvaguardato!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *