Sammezzano e i Bambini, ecco come raccontare una favola

Sammezzano è sicuramente il sogno di molti adulti, chi lo ha già visitato e chi lo vorrebbe visitare, rende questo castello un vero e proprio gioiello agli occhi di moltissime persone,

Il castello di Sammezzano e i bambini, una storia fantastica

Come tutti i castelli, anche quello di Sammezzano ha una sua aurea di mistero che lo circonda da parecchio tempo, la sua storia intrinseca di misteri e leggende ne fanno una meta desiderata da moltissime famiglie.

Un indotto che potrebbe portare moltissime famiglie e i loro bambini a visitare questa stupende costruzione realizzata da Ferdinando Panciatichi Ximenes d’Aragona, costruzione che oggi è in pericolo per colpa dell’uomo, incuria generale e una burocrazia incredibile tengono in pericolo costantemente questo castello.

Ma questo castello che potrebbe creare un indotto fortissimo grazie alle sue bellezze, è lasciato alla sua sorte da una sorta di menefreghismo umano che non ha pari.

Questo castello potrebbe benissimo vivere di rendita grazie alle sue bellezze, molti bambini insieme ai loro genitori che possono raggiungere in macchina Reggello tenendo nei seggiolini acquistati su TuttoAutoRicambi i loro pargoletti cosi da fargli visitare al meglio tutte le bellezze che circondano l’opera.

Il Castello di Sammezzano e le sue sale

Le sale del castello di Sammezzano sono famose in tutto il mondo, un’opera unica è irripetibile al giorno d’oggi sia per l’investimento effettuato nel tempo sia per una questione di arte e architetture particolari, una concentrazione di arte e di bellezza sistematica che ha portato tutto il mondo a parlare del castello di Sammezzano.

La Sala dei Pavoni

La coloratissima Sala dei Pavoni del Castello di Sammezzano è sicuramente la più famosa, ammirata e fotografata sala del castello di Sammezzano. 

Nel progettarla e costruirla il suo ideatore si ispirò alla corrente artistico-architettonica indiana moghul. Questa sala prende il nome dall’uccello nazionale dell’India, che per l’appunto è il “Pavone”.

Non per niente è caratterizzata da una decorazione “a ventaglio” che va dal pavimento fino al soffitto e che è volontariamente ispirata alla forma ed alla fantasia cromatica della coda di un pavone.

Sulle sue pareti si ammira una perfetta armonia di linee rette e curve che sviluppano un impressionante cromatismo ricco e vivace, il quale sfuma dal rosso, al giallo, al verde, al blu e giunge fino al viola.

La Sala da ballo

La Sala da ballo del Castello di Sammezzano (più comunemente conosciuta come “Sala Bianca”) è sicuramente uno degli ambienti più sorprendenti di Sammezzano. Non per niente, grazie anche alla notevole cupola, per volume è la sala più grande di tutta la struttura.

La sua forma è ottagonale ed è strutturata su due piani. Dal secondo piano della sala si affacciano quindici stanze che negli anni ’70 furono adibite a stanze d’albergo.
La Sala da Ballo è il più imponente e importante salone italiano realizzato interamente in stile moresco. Il luogo più vicino per vedere uno spazio simile è l’Alhambra di Granada in Spagna, a migliaia di km di distanza da Sammezzano.

Un opera immensa e fuori dal comune che ogni giorno il movimento Save Sammezzano spera di vedere rivalutata e salvata dalla burocrazia o da qualche privato che decida di investire in questo progetto.

Autore dell'articolo: savesammezzano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *