Save Sammezzano scrive ai Giudici Masetti e Picardi

A causa dell’incertezza relativa l’assetto proprietario di Sammezzano (la quale è conseguita al dichiarato fallimento della Sammezzano Castle Srl), i lavori conservativi precedentemente avviati presso il Castello sono al momento fermi. Questo riporta Sammezzano in una situazione di pericolo: già a ottobre avevamo personalmente constatato che i suoi interni erano gravemente danneggiati e che, se non si fosse intervenuti tempestivamente, la struttura avrebbe subito danni gravissimi derivanti dalle intemperie invernali. 
Alla luce di ciò, giovedì scorso abbiamo deciso di scrivere ai dott.ri Masetti (giudice inizialmente delegato a seguire la procedura di fallimento) e Picardi (giudice che recentemente dovrebbe aver preso il posto del dott. Masetti) per capire quale fosse al momento la situazione strutturale di Sammezzano.
Il  Codice dei Beni Culturali impone che Sammezzano sia mantenuto in perfetto stato conservativo, riteniamo quindi importante sapere quale sia la sua attuale salute strutturale e se, conseguentemente, la legge risulta rispettata.

Infatti, a questo punto che la situazione proprietaria è sempre meno chiara, l’unica cosa che ci interessa è che la legge sia garantita nella sua completezza e dunque Sammezzano venga tutelato come legalmente previsto. Questo finché non sarà finalmente affidato ad una proprietà definitiva pronta a prendersene seriamente cura, qualunque essa sia. 

Di seguito l’email che abbiamo inviato, separatamente, ad entrambi i giudici del tribunale di Arezzo:

 

“Spettabile  ———–,

le scrivo in qualità di rappresentante e portavoce di Save Sammezzano, movimento civico (legalmente riconosciuto in Associazione di Promozione Sociale con sede a Firenze) che da oltre 2 anni sta sensibilizzando persone ed istituzioni in merito alla necessità di tutelare, valorizzare e rendere fruibile il Castello di Sammezzano.

Non avendo avuto alcun riscontro da parte di Kairos Srl, abbiamo deciso in ultima istanza di rivolgerci direttamente a lei. 

Confidando di farle cosa gradita, le elenco di seguito solamente alcune delle attività da noi svolte dalla nostra nascita ed i conseguenti risultati da noi raggiunti:

– La vittoria di Sammezzano nel censimento nazionale I Luoghi del Cuore 2016 promosso dal Fondo Ambiente Italiano e da Intesa Sanpaolo;

– La redazione / presentazione di 9  interrogazioni parlamentari (4 alla camera e 5 al senato) rivolte al Ministero dei Beni Culturali, al Ministero dell’Ambiente ed al Ministero dell’Economia;

– La redazione e approvazione di una mozione regionale che impegna la Giunta Regionale Toscana “ad intraprendere ogni iniziativa utile, anche di concerto con gli enti locali interessati, affinché il Castello di Sammezzano e il Parco secolare, indipendentemente dalla natura della loro proprietà e data la loro unicità storico-culturale, possano mantenere la necessaria accessibilità e fruibilità pubblica e affinché metta in atto interventi ed azioni di sensibilizzazione finalizzate a valorizzare e a far conoscere il complesso di Sammezzano […]”;

– L’iscrizione di Sammezzano nella Lista Rossa dei beni in pericolo istituita da Italia Nostra;

– La candidatura di Sammezzano, in collaborazione con il “Touring Club Italiano“, al programma “7 most endangered” promosso dalla Banca Europea per gli Investimenti ed Europa Nostra (la federazione pan-europea per il patrimonio culturale), facendolo rientrare tra i 12 monumenti più a rischio d’Europa;

– La candidatura di Sammezzano presso la “World Monuments Watch List 2018” istituita dal World Monuments Found;

– La raccolta di oltre 30.000 firme alla nostra petizione su change.org che chiede al Comune di Reggello, alla Regione Toscana e al Ministero dei Beni Culturali di “tradurre in realtà la naturale vocazione museale del Castello di Sammezzano senza che sia sacrificata per fini di puro profitto”;

– Il coinvolgimento diretto dei media, ottenendo 250 e più articoli su quotidiani online italiani e stranieri, su giornali e riviste cartacee, su blog privati e interviste su radio locali e nazionali, TV locali e nazionali,che hanno parlato di Sammezzanoe della necessità di tutelarlo e valorizzarlo;

– Il coinvolgimento di decine di migliaia di sostenitori sui canali social Facebook,Twitter, Instagram di Save Sammezzano;

– La diffusione di contenuti (video, foto, link, post, ecc,) informativi e di sensibilizzazione diffusi tramite la Pagina Facebook Save Sammezzano, che hanno avuto oltre 20.000.000 (venti milioni) di visualizzazioni;

– Il coinvolgimento diretto di oltre 1.000 studenti di elementari e medie di tutt’Italia al nostro concorso “Piccoli Sammezzanini crescono“;

– Il coinvolgimento di oltre 300 persone, tra professionisti e studenti di istituti superiori, che hanno partecipato al nostro contest “Logo cercasi“;

– L’ottenimento di quasi 4.000 segnalazioni a favore di Sammezzano per l’iniziativa “bellezza@governo.it“, facendolo risultare il luogo più segnalato di tutta la nazione;

– Il coinvolgimento diretto di centinaia di persone durante le  conferenze pubbliche tenutesi in Toscana e le 3 conferenze-spettacolo promosse da Save Sammezzano, in collaborazione con l’Associazione ADS Fata Morgana, nelle Marche e in Abruzzo;

– L’iscrizione di Sammezzano presso il progetto “SOS CASTELLI”.

Ciò premesso, in qualità di soggetto che rappresenta l’interesse di quasi 120.000 persone preoccupate della situazione di degrado di Sammezzano e dell’improvvisa interruzione dei lavori volti alla sua messa in sicurezza, le chiedo cortesemente aggiornamenti specifici in merito alla situazione strutturale del Castello di Sammezzano.

Rimanendo in attesa di un suo gentile riscontro, colgo l’occasione per inviarle i miei migliori saluti,

 

Francesco Esposito

328—–61

www.savesammezzano.com

 

Al momento nessuno dei due giudici ci ha ancora risposto. Confidiamo comunque di avere presto un riscontro. Se così sarà, non mancheremo di aggiornarvi. In alternativa, provvederemo a scrivergli nuovamente. 

Autore dell'articolo: Francesco Esposito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *