Situazione incerta, Save Sammezzano chiede aggiornamenti al curatore fallimentare

Nei mesi scorsi ci siamo confrontati con varie realtà imprenditoriali che ci hanno contattato in risposta al nostro appello pubblico per la ricerca di investitori. Durante i vari confronti, alcune 
ci hanno affermato di essere seriamente interessate all’acquisto di Sammezzano.
Inoltre, con il comunicato stampa rilasciato dal curatore fallimentare in occasione dell’asta del 30 maggio scorso, fu segnalato che, nonostante l’esito negativo dell’asta, erano comunque arrivate delle manifestazione di interesse. Ne consegue che Sammezzano è stato seriamente attenzionato da più di un potenziale acquirente. 

Tuttavia, nessuna delle realtà interessate a Sammezzano l’ha ancora acquistato, né tramite la data room virtuale aperta per la procedura semplificata né tramite l’ultima asta del 25 ottobre, anch’essa andata a vuoto.

Il fatto che nessuno dei soggetti interessati abbia partecipato all’asta unito al fatto che il curatore fallimentare non abbia ancora rilasciato alcuna nota ufficiale che aggiorni sulla situazione, come invece era avvenuto in precedenza, ci fa preoccupare molto.
Senza contare che, nel frattempo, Sammezzano ha continuato a subire i danni provocati dalle intemperie (in special modo a seguito del maltempo dell’ultima settimana) e dai più o meno noti accessi abusivi che si sono succeduti.

Alla luce delle numerose richieste di spiegazioni che giornalmente ci arrivano da comuni cittadini ma anche dai tanti soggetti con i quali siamo entrati in contatto in questi anni (mezzi stampa, enti di vario genere, rappresentanti politici e istituzionali), abbiamo ritenuto doveroso inviare una nuova richiesta di chiarimenti al curatore fallimentare per avere aggiornamenti riguardo:

  • la reale, o meno, concretezza che nel breve periodo Sammezzano sia affidato ad una proprietà
  • la sua attuale situazione conservativa.

Di seguito il testo della comunicazione:

Egregio Dott. Gratteri, 

confidando che abbia trascorso una felice festività di Ognissanti, Le scriviamo per chiederLe cortesemente aggiornamenti sia in merito all’andamento della procedura di vendita di Sammezzano sia alla situazione conservativa della tenuta.
A seguito dell’ennesima asta andata a vuoto, siamo molto preoccupati per il futuro di Sammezzano. La nostra preoccupazione è alta anche per il fatto che, diversamente dall’asta di maggio, questa volta la curatela fallimentare non ha rilasciato alcuna informazione.

Mentre infatti, dopo l’esito negativo dell’asta del 30 maggio, il comunicato stampa n. 2/2018 ha reso noto che erano state comunque ricevute alcune manifestazioni d’interesse (a seguito delle quali la data room virtuale curata da Coldwell Banker Commercial Italia sarebbe rimasta aperta), questa volta non è stato rilasciato nessun aggiornamento pubblico.
Proprio grazie alla nota che sottintendeva l’esistenza di soggetti comunque interessati a Sammezzano, si erano accresciute le speranze di vederlo celermente affidato ad una proprietà disposta a prendersene cura.

Purtroppo i fatti più recenti hanno smentito tale speranza.  

A questo punto è fondamentale sapere se c’è ancora qualche soggetto realmente interessato a Sammezzano oppure se non c’è la possibilità di vedere Sammezzano affidato nel breve periodo.
E’ un dovere per noi essere chiari su questo punto perché decine di migliaia di persone, numerosi mezzi stampa locali e nazionali, vari enti (nazionali e internazionali per la difesa del patrimonio colturale) e i rappresentanti istituzionali con cui siamo in contatto, ci chiedono di essere aggiornati sulla situazione nel timore di vedere uno dei monumenti più importanti e amati d’Italia avviarsi verso il degrado e l’oblio definitivi.

Siamo quindi molto preoccupati (per non dire angosciati) per lo stato di manutenzione del castello e del parco.
Negli scorsi giorni il Valdarno Superiore, e in particolar modo proprio l’area su cui sorge Sammezzano, è stato vittima di nubifragi e venti fortissimi.
Già durante gli accessi che un anno fa il Tribunale di Firenze ci consentì di effettuare al castello, testimoniammo che ad ogni nuova intemperie la struttura principale e gli annessi circostanti subivano ulteriori danni.
Negli ultimi giorni alcuni nostri sostenitori ci hanno informato che è ceduta un’ulteriore porzione della “Casina Cinese”.
E’ un fatto gravissimo se si tiene conto che essa, come tutta l’area, è soggetta al Codice dei Beni Culturali, che ne prevede il mantenimento in perfetto stato conservativo.
Inoltre, il maltempo di questi giorni ha arrecato danni gravissimi al parco secolare : alcuni alberi sono stati abbattuti dal vento.
Al momento non si sa quale sia la situazione interna del castello. Tuttavia, date le condizioni constatate in passato, è lecito pensare che le intemperie abbiano prodotto ulteriori danni e aggravato quelli già presenti.    

Per motivi a noi ignoti non ha mai risposto alle nostre comunicazioni. Confidiamo che questa volta ci sarà un cortese riscontro da parte Sua, non tanto verso di noi, quanto verso la collettività e le istituzioni interessate alle sorti del Castello di Sammezzano.

Per questo Le chiediamo semplicemente di rilasciare un comunicato pubblico che possa chiarire la situazione e le prospettive della procedura in corso.
Con l’occasione, voglia gradire i nostri migliori saluti e auguri di buon fine settimana

Movimento Save Sammezzano

 

Autore dell'articolo: Francesco Esposito

1 commento su “Situazione incerta, Save Sammezzano chiede aggiornamenti al curatore fallimentare

    Bruno Cosimo PATO

    (novembre 2, 2018 - 11:33 pm)

    Un inciso.
    Dopo la quarta asta pubblica di un bene nella fattispecie il Castello di Sammezzano, la Legge -salvo modifiche -/prevede che il Giudice restituisca il bene al debitore. Vediamo cosa decidono.
    Nota.
    Spero che il cambio del Tribunale il Giudice non si avvalga di bandire altre due aste. Tanto per Vs.opportuna infornazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *