Depositata da Vittorio Sgarbi una proposta di legge per l’acquisto di Sammezzano da parte dello Stato

by Francesco Esposito

Anche a seguito degli appassionati appelli che abbiamo lanciato sui social network ad inizio dello scorso mese, l’Onorevole Vittorio Sgarbi, noto storico dell’arte e personaggio pubblico, ha depositato una proposta di legge affinché lo Stato acquisti Sammezzano.

Il testo integrale della proposta è attualmente in revisione al Drafting, ma sarà reso pubblico a breve.

Tuttavia, già dal titolo si evince chiaramente l’intenzione dell’iniziativa (Atto Camera 3572):  

“Disposizioni per l’acquisto del castello di Sammezzano da parte dello Stato, per la sua tutela e per la destinazione di esso a fini di pubblico interesse”

Di seguito condividiamo la nota trasmessaci dall’ufficio parlamentare competente:

“La proposta di legge prevede la costituzione, presso il Ministero dei Beni e delle attività culturali, di un Fondo per l’acquisto e la salvaguardia del Castello di Sammezzano, della dotazione di 20 milioni di euro per il triennio 2022 – 2024 a valere sul PNRR.

Tale stanziamento è finalizzato ad assicurarne l’integrità, la salvaguardia, la fruibilità e accessibilità pubblica, ferma restando la destinazione del Castello ad attività culturali di pubblico interesse.

La proposta di legge, redatta da Francesca Agostino (tecnico legislativo-parlamentare) per l’onorevole Vittorio Sgarbi, che ha provveduto a presentarla senza esitazione alcuna, attestandosi come l’unico parlamentare italiano ad aver investito formalmente il Parlamento della questione con il deposito di un apposito atto parlamentare, nasce dalla consapevolezza della rilevanza assoluta di tale sito, che rappresenta un unicum a livello internazionale, per il patrimonio culturale e monumentale nazionale, e del pericolo di un suo progressivo e inesorabile deterioramento cui esso è esposto oramai da troppo tempo. La proposta di legge intende raccogliere e rilanciare le molteplici iniziative lanciate e gli accorati appelli rivolti dalle realtà della società civile alle istituzioni nazionali, a partire dal Comitato “Save Sammezzano” che, da anni, è impegnato in prima linea per promuovere il recupero, la fruibilità e la tutela del bene, nonchè dal FAI, vigorosamente intervenuto in passato su questa importante questione.

L’auspicio è che la maggioranza approvi tale proposta e che il Governo faccia propria tale pregevole iniziativa entro la legislatura corrente, donando all’Italia e agli Italiani un bene di assoluto prestigio e di alta valenza simbolica, artistica, monumentale e civile.”

Questa è l’ennesima riprova di quanto l’attività di sensibilizzazione da noi intrapresa, che è sostenuta da decine di migliaia di persone, sia in grado di portare all’attenzione di molteplici rappresentanti istituzionali la causa per il recupero e la pubblica fruibilità di Sammezzano, ottenendo il loro sostegno laddove ci sia la reale volontà di intervenire.

Come rappresentanti della società civile, faremo il possibile per supportare la proposta di legge in modo che venga approvata e applicata nel più breve tempo possibile.

Siamo altresì fiduciosi che anche le istituzioni locali e regionali “battano un colpo” a favore di Sammezzano, proprio perché questo è il momento giusto per intervenire in appoggio a quanto sta avvenendo a livello nazionale.

Terminiamo ringraziando pubblicamente sia l’Onorevole Vittorio Sgarbi per aver preso a cuore la nostra causa sia la gentilissima, e preparatissima, Francesca Agostino, che da sempre è sensibile alle iniziative di Save Sammezzano e che è di fatto la madrina di questa importantissima proposta di legge.

You may also like

3 comments

Fabrizio fanfani Maggio 4, 2022 - 8:31 pm

Sarebbe giusto dopo tanto tempo recuperare un bene unico in Italia

Reply
Fabrizio fanfani Maggio 4, 2022 - 8:33 pm

Sarebbe giusto dopo tanto tempo recuperare un bene prezioso e unico in italia

Reply
MirellaBronzini Maggio 4, 2022 - 11:23 pm

Spero ardentemente in Vittorio Sgarbi per riportare questo gioiello al suo splendore!!!!

Reply

Lascia un commento