Save Sammezzano, tutto social e niente arrosto? Vediamo un po’

Grazie al successo che la nostra iniziativa di sensibilizzazione ha avuto sui social network, non viene naturale pensare che il team operativo di Save Sammezzano abbia fatto, e continui a fare, molto di più oltre alla costante gestione dei nostri canali social ufficiali (che comunque richiedono tantissimo tempo ed impegno).

La realtà è che il team operativo di Save Sammezzano in tutti questi mesi non ha lavorato solamente stando dietro allo schermo di un pc ma, anzi, si è trovato spesso ad operare per strada, sotto il sole e sotto la pioggia (come durante la raccolta firme cartacea necessaria ad ottenere la vittoria di Sammezzano presso “I Luoghi del Cuore”), e tra le persone (come nel caso delle varie conferenze ed eventi pubblici organizzati non solo in Toscana ma addirittura nelle Marche ed in Abruzzo). Proprio la raccolta delle firme cartacee nell’ambito de “I Luoghi del Cuore” ci ha tenuti impegnati in prima persona nelle piazze e nelle vie delle nostre città per decine e decine di giorni, durante i 7 mesi in cui la raccolta voti è stata aperta. E’ stato tempo ben impiegato e che ha dato un grande risultato: Infatti, solo come gruppo operativo, abbiamo raccolto poco più di 22.000 firme cartacee. 

Per le altre iniziative di carattere politico-istituzionali invece (Mozioni regionali ed interrogazioni parlamentari su Sammezzano), abbiamo dovuto fissare molti incontri e riunioni con numerosi rappresentanti istituzionali e membri di movimenti politici, viaggiando regolarmente tra Firenze, Roma ed il Valdarno. Ci siamo inoltre spostati tantissime volte per incontrare numerosi giornalisti, partecipare ad interviste televisive e radiofoniche, ecc ecc.  Siamo stati più volte in Comune a Reggello, dalla la Soprintendenza territoriale e presso altri enti pubblici.

Altre importanti attività, come la redazione di tutti i documenti necessari a partecipare ai bandi del “World Monument Watch” e del “7 Most Endangered“, hanno richiesto settimane di lavoro di gruppo e l’uso di tutte le nostre competenze professionali con la messa a frutto della nostra formazione in svariate discipline e delle nostre esperienze. Abbiamo redatto pile e pile di documenti di natura artistica, storica, architettonica, finanziaria, economica e moltissimo altro ancora. Tutto in inglese. Abbiamo elaborato 2 lavori progettuali che, se fossero valutati economicamente, avrebbero un valore di mercato di diverse decine di migliaia di euro. Anche questo ha avuto un riscontro molto positivo ed è al momento il riconoscimento più rilevante perché siamo riusciti a far risultare il Castello di Sammezzano l’unico sito culturale italiano inserito tra i 12 finalisti del 7 Most Endengered.
Inoltre abbiamo avuto il plauso del World Monument Fund nell’ambito del World Monument Watch (al quale, ricordiamo, Sammezzano non ha avuto accesso solo perché al momento non ha ancora una proprietà definitiva) per la qualità dei documenti presentati a sostegno della candidatura.

Non dimentichiamo, inoltre, la complessa e lunga attività di ufficio stampa da noi svolta, grazie alla quale, ogni qual volta mandiamo un comunicato stampa, sono numerosissimi i media (sia locali che nazionali) che li rilanciano sui propri canali, come nel caso de “I Luoghi del Cuore” o, ancor di più, del “7 Most Endengered“.
Difatti dal momento della nostra nascita sono stati oltre 300 gli articoli pubblicati online e su carta stampata sul Castello di Sammezzano e sul nostro movimento per salvarlo.

Tutto questo si è aggiunto all’attività di sensibilizzazione tramite social network, da cui siamo partiti muovendoci con un certo successo anche per merito di persone con spiccate doti comunicative, ottima formazione ed esperienza in ambito marketing e social media management.

Di fatto, con il tempo, i social media sono diventati la cassa di risonanza di tutte le altre attività che abbiamo svolto agendo “sul campo”, affrontando le tante difficoltà reali che una sfida impegnativa come quella di salvare e rendere fruibile Sammezzano comporta.

 

 

Raccolta firme in occasione della manifestazione Autumnia presso Figline Valdarno

 

 

Raccolta firme  in occasione della Festa dell’Unità presso Firenze

 

 

Una delle tante conferenze pubbliche svoltesi in Toscana

 

 

Uno dei tanti spettacoli a tema svoltesi nelle Marche

 

 

Uno dei tanti incontri con i rappresentanti istituzionali

 

 

Una delle tante conferenze pubbliche svoltesi a Firenze

 

Autore dell'articolo: Francesco Esposito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *